/gruppi di lavoro

AIDIC è rappresentata anche attraverso i Gruppi di Lavoro, costituiti ad hoc su problemi specifici inerenti all’ingegneria chimica. Finalità di questi gruppi è quella di aggregare tutti coloro che siano interessati a contribuire all’approfondimento di uno specifico argomento, pur operando in ambiti diversi (industria, enti pubblici e privati, Università).

I Gruppi di lavoro AIDIC hanno carattere interdisciplinare in una struttura operativa autonoma.

Operano attualmente nell’ambito della sezione Centro:

  • AIDIC Giovani

    Presidente
    Ing. Gabriele Verrecchia

    Sede e contatti
    Via Giuseppe Colombo, 81/A - 20133 Milano
    aidicgiovani@aidic.it

    Membri
    Membri della Giunta:
    Gabriele Verrecchia
    Francesco Pardo
    Grazia Leonzio

    Gruppo Facebook: 500+ membri

    Partecipanti
    Costituito da giovani di entrambi i sessi che siano studenti universitari o dottorandi o neo-laureati/neo-dottorati da un massimo di 3 anni di un corso di Laurea di Ingegneria Chimica o affine. I giovani sono già associati all’AIDIC o interessati a diventarlo.


    Scopo
    Gli obiettivi principali possono essere così elencati:

    • Monitorare la condizione dei giovani neolaureati e/o laureati in Ingegneria Chimica, con particolare attenzione sui loro problemi e sulle loro necessità, come il collocamento in ambito lavorativo su tutto il territorio nazionale ed estero, specializzazioni che stanno acquisendo importanza strategica, innovazione tecnologica, cambiamenti nelle normative.
    • Promuovere in proprio iniziative rivolte in particolar modo ai giovani per quanto riguarda lo sviluppo professionale, l’accesso al mondo del lavoro, la conoscenza, l’incontro tra i soci e l’amicizia.
    • Promuovere le iniziative dell’AIDIC nel gruppo. 4. Cogliere le opportunità di cooperazione nelle iniziative AIDIC, sia a livello organizzativo che a livello divulgativo.
    • Gestire, insieme ad un Responsabile nominato dalla Giunta Esecutiva dell’AIDIC, le piattaforme informatiche esistenti, come ad esempio quelle di social network (Facebook, LinkedIn) e AIDICJOB.
    • Motivare i giovani ad entrare a far parte dell’AIDIC e del gruppo di lavoro "AIDIC GIOVANI".
    • Agire sempre nel pieno rispetto dello Statuto dell’AIDIC: ATTO COSTITUTIVO E STATUTO GDL AIDIC GIOVANI




    Iniziative
    Progetto Green Refinery, 21 Marzo 2016, Università di Padova
    Visita laboratori ENEA Casaccia, 8 Aprile 2016, Roma
    Visita Alcantara S.p.a., 4 Maggio 2016, Nera Montoro
    Visita TerniEnergia, 6 Maggio 2016, Nera Montoro
    Eventi interni al gruppo
    Incontri a scadenza semestrale


    Attività
    Tra le varie attività, il gruppo di lavoro è tenuto a intraprendere almeno un progetto all’anno, coinvolgendo la totalità o la maggioranza dei membri. Il gruppo di lavoro è altresì tenuto a implementare un programma di sviluppo professionale per i membri.

  • Bonifiche dei Siti Industriali

    Presidente
    Ing. Oreste Mastrantonio

    Sede e contatti
    Via Giuseppe Colombo, 81/A - 20133 Milano
    o.mastro@libero.it

    Partecipanti
    Aperto a tutti gli specialisti del settore.

    Scopo
    Si pone come obiettivo di: suggerire accorgimenti tecnici, in fase di progettazione e realizzazione degli impianti industriali, atti a prevenire problemi di inquinamento; evidenziare le soluzioni tecniche tese ad evitare e a rimediare agli inquinamenti dei siti industriali in esercizio; evidenziare le problematiche ambientali relative alle demolizioni degli impianti industriali non più operativi e al riutilizzo dei siti.

    Pubblicazioni
    "Prevenire la contaminazione"
    ICP marzo 2012, AIDICnews anno XVII -n.1 2012

    "Bonifica di siti petrolchimici: alcune considerazioni"
    ICP gennaio 2011

    Articolo su AIDICnews sulle dismissioni e bonifiche di siti industriali

    Altre Informazioni
    Resoconto riunione

  • Carbon Capture and Storage

    Presidente
    Ing. Ezio D'Addario

    Sede e contatti
    Via Giuseppe Colombo, 81/A - 20133 Milano
    en.daddario@gmail.com

    Partecipanti
    Rappresentanti della Grande industria, Docenti e ricercatori universitari, Ricercatori industriali e di enti pubblici, Rappresentanti di associazioni di imprese energetiche, Esperti MIUR e MISE, Tecnici e manager di società di ingegneria
    Partecipanti al GdL: n. 12

    Scopo

    • Fornire un panorama generale dell’argomento evidenziando prospettive e criticità
    • Presentare un quadro delle iniziative in atto su larga scala a livello nazionale e internazionale
    • Monitorare i progetti di R&S segnalando quelli con connotazioni più innovative e gli istituti di maggior pregio impegnati
    • Seguire gli andamenti normativi nazionali e comunitari



    Prossimo convegno
    Nell’ambito del progetto R&Dialogue, si sono avviati i contatti (prof.ssa Samuela Vercelli e prof. Lombardi dell’Università La Sapienza, prof. Ferretti Università di Genova, dr. Girardi Sotocarbo, et al.) per un prossimo convegno sulla CCUS e le relative valutazioni degli impatti sull’ambiente da tenere probabilmente entro l’anno.


    Progetti e Networking
    Partecipazione attiva (mediamente una riunione a trimestre, 2012-2015) del gruppo italiano del progetto R&Dialogue dell’Unione Europea. Il progetto (http://www.rndialogue.eu/index.php), attraverso il dialogo tra gli stakeholders e le organizzazioni di rappresentanza della cittadinanza, mira ad individuare strategie di vision energetica di lungo termine, per i principali stati membro e per la comunità europea.


    Atti di convegno e Libri
    "CO2: valuable source of carbon"
    Editors: M. De Falco, G. Iaquaniello, G. Centi

    "Carbon capture and storage: legal framework and perspectives"
    Editrice Gruppo Italia Energia

    "Carbon capture and storage: a significant contribution to a low emission energy future"
    Editrice Gruppo Italia Energia

    "Carbon Capture and Storage Legal Framework Development and Supply Chain Perspectives, Brief Address"
    E. D'Addario

    "Cattura e stoccaggio della CO2. Tecnologie in evoluzione"
    E. D'Addario, P. D'Ermo, R. Avella

    Pubblicazioni
    "Biofuel Stato dell’Arte e Prospettive"
    E. D'Addario

    "Carbon Capture and Storage. Tecnologie e opportunità"
    E. Zanin, E. D'Addario, P. Storti

    "Sustainability in Carbon Capture and Utilization, Biodiesel from microalgae". Symposium "CO2: valuable source of carbon"
    E. D'Addario

    "Carbon Capture and Storage Legal Framework Development and Supply Chain Perspectives, Brief Address"
    E. D'Addario

    "Cattura e stoccaggio della CO2. Tecnologie in evoluzione"
    E. D'Addario, P. D'Ermo, R. Avella


    Eventi interni al gruppo
    Due riunioni per anno con emissioni relative verbali. Verbale della riunione del 12 aprile 2016


    Abbonamenti a riviste
    Abbonati alla rivista Carbon Capture Journal diffusa in copia cartacea o elettronica ai partecipanti al gruppo di lavoro.


    Altre Informazioni
    Roadmap decarbonizzazione Legambiente

    IEA 5 Keys to Unlock CCS Investments

    Resoconto riunione 2013

    2° Resoconto riunione 2012

    E. D'Addario. La cattura e lo stoccaggio della CO2. Seminario tenuto presso l'università di Roma La Sapienza il 19 Aprile 2012

    Resoconto riunione 2012

    Articolo 1

    Articolo 2

    Articolo 3

  • Chimica domani

    Presidente
    Ing. Gaetano Iaquaniello

    Sede

    Via Giuseppe Colombo, 81A - 20133 Milano

    Membri

    Vicepresidenti:

    Ing. Antonio Razionale

    Prof. Alberto Brucato

     

    Membri:

    Gabriele Verrecchia, Egidio Zanin, Marco Bravi, Paolo Ciambelli, Antonio Razionale, Luca Di Palma, Gaetano Iaquaniello, Raffaele Avella, Alberto Brucato, Francesco Marini, Renato Del Rosso, Flavio Manenti, Laura Pilia, Daniele Marchisio, Roberto Pantani, Alessandro Gobbi, Alberto Bertucco, Paolo D’Ermo, Cosimo Cannalire.

    Il GdL resta aperto al contributo di soci e non soci che vogliono aderire allo stesso.

    Interlocutori

    Industria, università, enti di ricerca, MISE/MIUR, Gricu, associazioni collegate ad AIDIC, settori emergenti come pharma e food, stampa e media, head hunters, società di lavoro interinale, responsabili HR di grosse società.

     

     

    Scopo

    Organizzazione del convegno sul ruolo dell’ingegnere chimico domani. Il GdL non intende esaurire il suo scopo con l’organizzazione dell’evento, ma si ripromette di rimanere in piedi anche successivamente, dandosi altri obiettivi come monitorare l’evoluzione dello scenario, essere uno strumento di indirizzo, partecipare alle discussioni sul tema, ecc.

     

     

    Aree di interesse

    L’economia circolare, la mobilità (sia come progettazione delle auto che come impiego di carburanti), i nuovi materiali riciclabili, la chimica futura, l’energia, l’ambiente, l’alimentazione umana, le biotecnologie, l’acqua e gli altri beni di consumo per l’uomo, la mobilità degli ingegneri, la digitalizzazione

     

     

    Metodo di organizzazione del convegno

    Il convegno dovrà rispondere alle domande:

    • dove sta andando il mondo, quali saranno i trend e gli scenari del futuro?
    • a livello mondiale, quanto aumenteranno i consumi dei paesi emergenti sotto la pressione del ceto medio?
    • che domanda ci sarà di materie plastiche, di macchine elettriche, di medicine, di nuovi materiali; quali saranno le materie prime e i processi che utilizzeremo?
    • quali saranno i mercati domani?
    • come si saranno evoluti settori come la protezione dell’ambiente, le energie rinnovabili, la chimica verde e la farmaceutica?
    • che ruolo avrà l’ingegnere chimico?
    • come saranno e che faranno le società di ingegneria?
    • quali nuove opportunità si apriranno alla ns. professione?
    • cosa deve fare l’università per adeguarsi?
    • chi finanzierà la transizione verso una economia più sostenibile?
    • quali effetti avranno alcune politiche internazionali?
    • che ruolo potranno avere le "start up" per raggiungere questi obiettivi e nel valorizzare i ns. giovani ingegneri?

     

    Per affrontare i temi "come si posizionerà l’ingegneria chimica all’interno dei trend che andremo a vedere" e "come si fa a preparare un ingegnere chimico che sia competente e pronto per il nuovo", si sceglie il metodo di interloquire con gli esperti di settori già in evoluzione ("visionari" che ci possono indicare gli scenari validi da qui a venti anni, interlocutori con conoscenze di temi industriali, che sappiano vedere evoluzioni di indirizzi) e, a valle di questi colloqui, di partorire un documento programmatico su cui si andrà a discutere e costruire il convegno; si partirà quindi con l’identificazione e l’intervista di personaggi competenti in settori con un trend in cui l’ingegneria chimica è già o sarà dentro.

  • Energia Sostenibile

    Presidente
    Ing. Egidio Zanin

    Sede e contatti
    Via Giuseppe Colombo, 81/A - 20133 Milano
    e.zanin@c-s-m.it

    Partecipanti
    Aperto a tutti gli specialisti del settore.

    Scopo
    Gli obiettivi principali possono essere così elencati:

    • Strutturare e coordinare un network permanente di imprese nel settore energetico;
    • Favorire l’aggiornamento della ricerca e tecnologia nel settore energetico a livello internazionale, anche attraverso seminari specialistici;
    • Promuovere incontri con realtà nazionali, europee ed extra-EU finalizzati all’approfondimento di tematiche comuni ed allo scambio di esperienze tecniche e scientifiche;
    • Promuovere iniziative di ricerca partecipata a livello nazionale ed internazionale;


    Altri temi che trovano un interesse condiviso risultano essere:

    • uso efficiente delle acque nei sistemi di produzione energetica;
    • sistemi di dissalazione e riutilizzo della CO2 associato alla produzione di metanolo o metano per via elettrolitica - distribuzione dell’idrogeno utilizzando le reti metano;
    • biomasse, incluso residui anche per la produzione di biocarburanti;
    • accumulo termico, gestione calore nei cicli di compressione-decompressione;
    • LNG e rigassificazione;

  • Tecnologie Ambientali Sostenibili

    Presidente
    Ing. Carlo Gustavo Lombardi

    Sede e contatti
    Via Giuseppe Colombo, 81/A - 20133 Milano
    cglombardi@stpitaly.eu

    Partecipanti
    Aperto a tutti gli specialisti del settore.


    Scopo
    Gli obiettivi principali possono essere così elencati:

    • Favorire la conoscenza di processi e tecnologie per la salvaguardia dell’ambiente anche attraverso la riduzione, il riutilizzo, il riciclaggio e il recupero dei rifiuti e dei residui industriali, agricoli e civili.
    • Promuovere incontri tra gli specialisti del ramo per l’approfondimento delle tematiche di interesse e per lo scambio di esperienze tecniche e scientifiche.
    • Sviluppare iniziative (convegni, workshop, seminari) nei settori specifici di: (i) rigenerazione degli oli lubrificanti usati; (ii) produzione di energia da biomasse o da combustibile derivato da rifiuti (RDF).
    • Collaborare alle iniziative di altri GdL sui temi di: (iii) prevenzione dall’inquinamento attraverso controllo della filiera del rifiuto e riduzione degli scarti; (iv) recupero rifiuti per pirolisi e gassificazione, impianti biogas; (v) biofuels; (vi) trattamenti elettrolitici ossidativi di effluenti industriali; nonché di spin-off universitari su: (vii) recupero di metalli da matrici complesse con tecniche idrometallurgiche.

    Pubblicazioni
    "Libro bianco" sugli oli lubrificanti (2015)